martedì 20 luglio 2010

Cesare Vecellio

Ci sono dei personaggi storici che sembrano appostati negli angoli. A ogni piè sospinto, fanno capolino dalle ricerche, nei punti più improbabili del lavoro. Questo è il mio caso con Cesare Vecellio (1521-1601), cugino del più noto Tiziano e di lui allievo.  Cesare Vecellio è l'autore di questo libro:
di cui non sono ancora riuscita a trovare on-line una versione originale completa. Queste sono riedizioni successive:
Il libro è molto gustoso, sia nei costumi europei, che in quelli delle altre parti del mondo, tra i quali una gran parte sono costumi turchi. L'ultimo capitolo è dedicato agli "abiti" americani. Il libro mi ha ricordato subito molto da vicino alcuni libri che avevo da bambina e che raffiguravano vari costumi delle diverse parti del mondo, con gli immancabili selvaggi con abiti di foglie e ornamenti d'osso, disegnati o in foto.
Questi libri servivano come bozzetti preparatori e esempi per gli artisti, come probabilmente per carte geografiche come la seguente.
 

Nessun commento:

Posta un commento